Sovrappeso e respiro: gli errori da evitare

Sovrappeso e respiro: gli errori da evitare

Il nostro respiro si trasforma a causa di abitudini sedentarie, di stati di debolezza, di tensioni muscolari e di situazioni di stress o ansia. In una condizione di sovrappeso, oltre a questi fattori di interferenza, ci sono ulteriori complicanze per il respiro a causa della compressione della massa adiposa sui muscoli respiratori, della fatica per muovere il corpo e del basso livello dello stato di allenamento.

Chi è sovrappeso ha solitamente conseguenze respiratorie a vari livelli:

  • presenza di fiatone per brevi sforzi;
  • difficoltà a respirare liberamente soprattutto in determinate posizioni (come ad esempio in alcuni tipi di sedute, oppure sdraiati);
  • presenza di russamento abituale e/o apnee notturne.

Sovrappeso e respiro: uno sguardo generale

Come per qualsiasi altra situazione se il problema respiratorio è presente in una condizione di sovrappeso è, secondo noi, importante considerare la situazione nel suo complesso.

Non smetteremo mai di ripetere che, per quanto ogni situazione sia particolare, esistono dei bisogni comuni a tutti. Se rispettiamo questi bisogni fisiologici possiamo innalzare la nostra salute al punto che, in alcuni casi, risolviamo sintomi fastidiosi come quelli respiratori.

A prescindere dalla specificità di una condizione è importante fare attenzione a 4 necessità fondamentali.

Abbiamo bisogno di:

  • un sistema forte ed efficiente e una buona capacità di muoversi;
  • una educazione alimentare adeguata che bilanci necessità e piacere;
  • un po’ di serenità, tranquillità e realizzazione;
  • poter contare su una buona capacità di recupero (riposo di qualità).

In una visione d’insieme è importante pensare strategicamente a tutti gli aspetti, ma si può  iniziare intanto anche solo da uno di questi. Ciò che conta è iniziare un percorso che poi procederà nei tempi più adatti, un passo per volta.

In questo modo possiamo migliorare di molto il percorso di guarigione, qualsiasi esso sia.

Gli errori da evitare

Anche se i motivi che hanno generato sovrappeso e problemi al respiro sono differenti, molte persone si ritrovano nella stessa situazione di impotenza. Non si sa bene da dove partire, non si trovano le energie per fare il primo passo oppure sembra tutto così impegnativo che ci si scoraggia e rassegna. A questo purtroppo si aggiungono quelli che hanno sperimentato sistemi, a parole molto promettenti, e sono rimasti delusi.

Senza un piano di lavoro e in balia delle emozioni e dei pensieri c’è il rischio di commettere degli errori che potrebbero anche peggiorare la condizione. Eccone alcuni.

La fretta e gli sprazzi di motivazione se non ben convogliati in un percorso graduale e costante possono essere deleteri.

  • Digiuni incontrollati o diete drastiche possono portare a mangiare di più e peggio in un secondo momento. E’ difficile rendersi conto di cosa si mangia e delle proporzioni dei nutrienti. Si finirà per ricordare di più ciò a cui si è rinunciato rispetto a ciò che ci si è concessi con un’idea errata della propria dieta.
  • Allenamenti o sforzi sbilanciati con l’ossessione del consumo di calorie sono pericolosi per la salute. Meglio un programma graduale di ricondizionamento all’esercizio che preservi organi e articolazioni. Meglio non accorgersene quando è troppo tardi.

La procrastinazione. Meglio non aspettare di peggiorare al punto da essere costretti dalla pericolosità della situazione. Sappi fin da ora che, se non si fa nulla e si hanno già sintomi, è probabile che questi peggioreranno. Difficilmente restano invariati negli anni.

Le cure “miracolose”. Ci sono figure più o meno adatte per essere accompagnati in un percorso di questo tipo. In ogni caso, generalizzando, si può dire che ciò che promette risultati senza impegno o un minimo sforzo probabilmente non è efficace o non dura molto.

Ragionare per compartimenti stagni. Pensare di risolvere i problemi respiratori trascurando l’obesità (e gli eventuali aspetti psicologici connessi) è davvero difficile. Questo non vuol dire che non si possano avere dei benefici da subito con opportune pratiche. Da qualche parte bisognerà pur iniziare.

Come migliorare il respiro se si è in sovrappeso

Ad esempio, al Laboratorio del Respiro, in un primo momento, utilizziamo esercizi motori mirati a stimolare un miglioramento della forza, alla diminuzione della dispnea (fiatone) e alla riscoperta del piacere di muoversi. La particolarità è che questi risultati si ottengono in modo molto veloce.

Chi inizia il percorso però sa che questi risultati sono il primo passo verso un nuovo stile di vita, sono la possibilità di innescare un circolo virtuoso di miglioramento. Se interrompono e tornano alle vecchie abitudini regrediscono con la stessa velocità con cui sono migliorati.

Per saperne di più sul percorso che proponiamo contattaci a info@laboratoriodelrespiro.it oppure chiama il 392 3055363.

Se hai difficoltà a raggiungerci a Padova scopri Rieducazione Respiratoria Online

Chiudi il menu