La sensazione di non riuscire a respirare a fondo.

La sensazione di non riuscire a respirare a fondo.

La sensazione di non riuscire a respirare a fondo è sicuramente qualcosa di molto fastidioso, in alcuni casi angosciante. All’inizio qualcuno la sopporta, stringe i denti e spera che passi. Altri non la sopportano da subito ma non sanno come risolverla. A volte diminuisce da sola dopo un tempo variabile, a volte ci scrivono persone che ne lamentano il disagio da anni.

Da cosa dipende la sensazione di non riuscire a respirare a fondo e perché è angosciante

Iniziamo a distinguere quello che è il meccanismo che determina la sensazione da quelle che invece sono le cause.

La sensazione di non riuscire a respirare a fondo è avvertita come una sensazione spiacevole per una questione evolutiva di sopravvivenza. La mancanza d’aria infatti deve necessariamente attivare il nostro sistema in una modalità di allerta.

In situazioni di dispnea, quando cioè c’è uno squilibrio tra la domanda di aria e la capacità di respirare, i recettori sensoriali vengono attivati e gli impulsi arrivano al cervello. Tra le aree coinvolte ci sono anche quelle adibite alle emozioni. Si innescano sensazioni di ansia e paura.

E’ comprensibile nel momento in cui lo squilibrio tra il bisogno di aria e la capacità di respirare avviene sotto sforzo. Se compio un lavoro, come ad esempio una corsa in salita in modo intenso, arriverò ad un punto in cui la mia capacità di introdurre aria non è più sufficiente e mi dovrò fermare.

Questo però può accadere anche in situazioni in cui non è presente nessun evidente sforzo fisico. Ad esempio in situazioni di attivazione di tipo ansioso in cui le stesse risposte emotive possono generare un circolo vizioso di “dispnea → ansia → maggior dispnea”.

Lo stato emotivo (ansia, paura) generato dalla sensazione di non riuscire a respirare, può influenzare la dispnea al punto che l’esperienza appare sproporzionata rispetto all’entità della situazione.

Se ne soffri non badare a chi dice che stai esagerando. Il problema non è la risposta fisiologica ed emotiva. Abbiamo visto che è un normale meccanismo del sistema nervoso.

Come si risolve?

E’ probabile che istintivamente ti sia successo di tentare di rimediare a questa sensazione provando respiri profondi, sospiri o sbadigli. A volte riescono a volte no. In ogni caso, l’effetto dura poco e tutto riparte da capo.

Prima di tutto è necessario consultarsi con il proprio medico curante. Se da eventuali accertamenti emerge qualcosa di specifico si procede con la cura direttamente.

Se nonostante questo resta il disagio respiratorio o se dagli esami non emerge niente, non rassegnarti. E’ comunque possibile trovare una soluzione.

Per potersi liberare della sensazione di non riuscire a respirare a fondo è necessario “resettare” le modalità respiratorie spontanee di base.

Il percorso di Rieducazione Respiratoria che abbiamo creato nella maggior parte dei casi è efficacie in 4-6 sessioni.

Se ti interessa sapere più nel dettaglio come risolvere il problema scrivici a info@laboratoriodelrespiro.it, chiamaci al 392.3055363 oppure compila il form qui sotto

Contattaci

Bibliografia

Bailey PH. The dyspnea-anxiety-dyspnea cycle–COPD patients’ stories of breathlessness: “It’s scary /when you can’t breathe”, Qualitative Health Research, 2004, 14:760-78.

Parshall MB, Schwartzstein RM, Adams L. An Official American Thoracic Society Statement: Update on the Mechanisms, Assessment, and Management of Dyspnea, Am J Respir Crit Care Med, 2012.

Stoeckel MC, Esser RW, Gamer M, Buchel C, von Leupoldt A. Brain responses during the anticipation of dyspnea, Neural Plast, 2016.